Indietro La Stampa giovedì 14 giugno 2018
Cerca Sezioni 14 giu

La Stampa

giovedì 14 giugno 2018
Vicino
Annuncio
14. giu. 16:26 La sezione britannica dell’ong Oxfam bandita da Haiti 
La Stampa
Il governo haitiano ha ritirato l’accredito alla sezione britannica di Oxfam International, che operava sull’isola caraibica dal 1978. Dopo le rivelazioni su abusi sessuali commessi da alcuni suoi operatori, le attività dell’Ong sono state sospese. La decisione del governo segna l’ultimo capitolo del caso Oxfam ad Haiti....
 Mi piace Rispondi
Valute in EUR
GBP 1,12 -0,448%
CHF 0,87 0,000%
USD 0,85 +0,234%
14. giu. 15:00 Libia, i miliziani anti-Haftar attaccano i terminal petroliferi 
La Stampa
I miliziani anti-Haftar della Libia centrale e orientale hanno lanciato oggi un attacco a sorpresa ai terminal petroliferi nella cosiddetta Mezzaluna del petrolio, che va da Sirte ad Ajdabiya. Le Brigate di difesa di Bengasi, una alleanza di gruppi islamisti sconfitti dal generale negli anni passati, e la Guardia petrolifera del signore della guerr...
 Mi piace Rispondi
14. giu. 2:38 Dopo 30 giorni di carcere, rilasciato Navalny  
La Stampa
Dopo 30 giorni di carcere, torna in libertà Alexei Navalny, blogger, attivista politico, tra i più noti oppositori del presidente russo Vladimir Putin, condannato il 15 maggio a 30 giorni di detenzione per aver preso parte ad una marcia di protesta non autorizzata. ...
 Mi piace Rispondi
13. giu. 23:47 Pompeo: “La denuclearizzazione della Corea del nord deve essere veloce” 
La Stampa
Kim Jong-un ha capito la denuclearizzazione della Corea del Nord dovrà essere «veloce». Lo ha detto ieri a Seul il Segretario di Stato americano, Mike Pompeo, aggiungendo che le sanzioni imposte a Pyongyang non potranno essere revocate prima della fine del processo. «Gli Stati Uniti rimangono impegnati a realizzare una denuclearizzazione completa, ...
 Mi piace Rispondi
13. giu. 22:00 La mediazione di Juncker per l’incontro Conte-Macron. Mattarella: evitare strappi 
La Stampa
Cosa sta succedendo? Chiede Jean-Claude Juncker a Giuseppe Conte. L’Europa ora teme l’implosione, teme che sul cruciale fronte italiano l’argine possa non reggere più. È questa inquietudine che percorre la telefonata del presidente della commissione Ue al premier. Un tentativo estremo di spingere a una conciliazione con il presidente francese Emm...
 Mi piace Rispondi
In Cima

Impostazioni di Data

Oggi è mercoledì 20 giugno 2018

+ 1 -
+ 1 -
+ 2016 -

Vicino

Utilizzando il nostro sito web, l'utente accetta l'uso dei cookie, come descritto nella nostra politica dei cookie.

Accetto